5 novembre 2013
Articolo scritto da admin

Cappotti in silicato

Un sistema per isolare le pareti molto praticato e vantaggioso è quello del cappotto. Il cappotto può essere realizzato sia sulla faccia interna della parete che su quella esterna. Quest’ultima risulta molto più efficace contro i fenomeni di condensa ed è più costoso mentre il cappotto interno ha un costo minore perché la posa è meno laboriosa e si può applicare anche ad un singolo appartamento.  La tecnica del  cappotto oggi è utilizzata quasi sempre dalle nuove costruzioni e anche in molte ristrutturazioni.

E’ un sistema estremamente efficace se viene realizzato con materiali buoni e da personale competente e specializzato. Come materiale molto usato è il silicato di calcio ecologico, che difende e protegge la parete, uno strato di isolante con cui proteggere la parete dalle escursioni termiche. In pratica, l’effetto cappotto è capace di mantenere la temperatura, fresca in estate e calda in inverno per un comfort aggiuntivo all’appartamento. E non è da sottovalutare nel tempo il risparmio energetico. Il silicato di calcio altro non è che una miscela di sabbia quarzosa e calce, quindi, non contiene sostanze nocive ma è totalmente ecologico. Come isolante è perfetto, elimina l’umidità negli ambienti, non permette dispersione termica e non consente la crescita di muffe o la vita di particolari batteri, ed è molto traspirante.

In commercio generalmente si trovano pannelli di silicato di calcio  50×50 con uno spessore di 2,5 cm. Le  lastre di silicato di calcio o i cappotti hanno diverse applicazioni, sulle pareti intonacate o grezze, sui tetti e anche sui solai e sui pavimenti che prevedono l’installazione di impianti di riscaldamento radiante.

Il silicato di calcio si applica  molto facilmente. Ci sono in commercio collanti appositi, non è combustibile ed è certificato in Classe 0, Euroclasse A1. Inoltre, resiste molto al calore, addirittura a temperature di 1000 gradi centigradi.

Categoria: Casa

Commenti chiusi.