17 marzo 2016
Articolo scritto da admin

Rifacimento intonaci ammalorati e degradati con nuovi intonaci a calce naturale traspirante

Con il tempo e con gli agenti atmosferici le pareti intonacata delle abitazioni e degli edifici sono inevitabilmente soggette ad usura e ad un graduale deperimento che necessita di opere di intervento per risanarne non solo l’aspetto estetico ma anche per evitare problemi strutturali. Tra le tecniche più utilizzate dall’impresa edile per il rifacimento di intonaci ammalorati e degradati più efficaci sono di effettuare utilizzando intonaci a calce naturale traspirante e intonaci macroporosi.

Gli intonaci a calce traspirante si applicano su fabbricati che presentano strati di intonaco o pittura fortemente degradati dal tempo,  dall’incuria o da fattori atmosferici. Per intervenire con questo rifacimento è innanzitutto necessario demolire e asportare completamente i vecchi intonaci e procedere ad un idrolavaggio delle pareti, al fine di eliminare ogni residuo. Il nuovo intonaco a base di calce naturale traspirante che viene applicato serve come barriera per acqua e vapore acqueo evitando che questi possano liberarsi dalle pareti e disperdersi nell’ambiente. Verranno in questo modo preservati gli intonaci. Dopo l’applicazione della calce si effettua una rasatura delle pareti e in seguito una pittura a base di grassello di calce e terre naturali, prediligendo quindi prodotti compatibili con intonaci e muratura originarie.

La calce idraulica naturale rappresenta un materiale nobile per eccellenza che ha accompagnato l’uomo e le sue costruzioni sin da tempi antichi, preservando nel tempo la sua utilità e resistendo nel corso dei millenni alle evoluzioni tecnologiche. I primi utilizzi della calce risalgono alla Mesopotamia del quinto millennio a.C. quando veniva adoperata per imbiancare le pareti. In seguito fu utilizzata come malta per la decorazione e per la realizzazione di opere architettoniche e ingegneristiche da Greci e Romani che ne diffusero l’utilizzo grazie a opere d’arte, edifici e costruzioni giunte fino a noi.  Nel XIX secolo divenne prioritario, a causa dell’aumento demografico e della velocità richiesta nel costruire nuovi edifici, utilizzare leganti a presa più rapida rispetto al cemento naturale.

Categoria: Casa

Commenti chiusi.