5 luglio 2012
Articolo scritto da admin

Stufe a pellet: tanti vantaggi e pochi svantaggi

Le stufe a pellet, da qualche anno molto gettonate nel mercato, uniscono ai vantaggi della legna la praticità di una stufa automatica a gas. Il combustibile alla base, ovvero il pellet, è una soluzione economica e al tempo stesso ecologica e garantisce alti rendimenti termici. Esteticamente queste stufe somigliano a dei camini e, proprio come questi ultimi, possono avere un design classico o moderno adattandosi quindi perfettamente ad ogni stile di arredamento.

La vetrata trasparente ripropone i giochi di luce e gli scoppietti delle fiamme del caminetto contribuendo a creare un’atmosfera calda e accogliente. Queste stufe sono dotate di una portiera per caricare il combustibile dall’alto: da qui il pellet viene fatto scendere nel bruciatore centrale dove si incendia in modo automatico. L’utilizzo quindi è semplice. Le stufe a pellet per poter funzionare sono collegate alla corrente elettrica: a fronte di un consumo bassissimo garantiscono calore costante e omogeno nell’ambiente. Il collegamento elettrico quindi non va interpretato come uno svantaggio.

Un altro grande vantaggio dal punto di vista pratico delle stufe a pellet è quello di produrre pochi residui di cenere. Certo non sono da questo punto di vista paragonabili alle stufe a gas ma la sporcizia è ridotta al minimo. La poca cenere prodotta viene spinta via per mezzo della canna fumaria e quindi non richiede una pulizia giornaliera. Da questo punto di vista può essere utile comprare un aspiracenere da utilizzare settimanalmente. Con cadenza semestrale invece andrebbe fatta una pulizia più approfondita della canna fumaria e delle parti retrostanti la camera di combustione. Lo svantaggio più grande, qualora se ne voglia trovare uno, è quello dello stoccaggio del pellet: i sacchetti infatti possono essere ingombranti qualora non si abbia a disposizione una cantina, un garage o un ripostiglio.  Nel complesso comunque la stufa a pellet resta una scelta pratica, efficiente, economica ed ecologica e quindi consigliabile.


Commenti chiusi.