11 marzo 2011
Articolo scritto da admin

L’article marketing e le sue regole d’oro

Da qualche anno, in Italia, si sta iniziando a parlare di article marketing, eppure questa è una pratica già molto diffusa e conosciuta in America, dove tra l’altro se n’è intuito sin da subito il senso ed il valore: questa pratica, infatti, se ben sfruttata e potenziata, può fornire delle importanti ripercussioni positive sia in chi scrive, sia nelle aziende che appoggiano  ad essa per promuovere prodotti e servizi più o meno conosciuti.

Per far sì che anche l’Italia offra e garantisca un uso intelligente dell’article marketing, occorre tuttavia chiarire alcuni punti ed offrire un significato più vasto di questa pratica visualizzandone i punti forza.
Gli articoli che promuovono un servizio, sono un primo ed importante biglietto da visita delle aziende in grado di offrire quel dato servizio: se il lettore – che in questo caso è un potenziale acquirente – restasse affascinato dal prodotto, con grande probabilità non solo utilizzerebbe nuovamente il sito in cui è stato proposto per ottenere informazioni anche su altri servizi, ma se restasse soddisfatto probabilmente comprerebbe quel prodotto o usufruirebbe di quel servizio. Ciò si traduce in duplice vantaggio: al redattore di quell’articolo verrebbe garantita visibilità e popolarità, mentre all’azienda che offre il prodotto verrebbe garantito un incremento di clienti ed un potenziale accrescimento economico.
Le regole d’oro per scrivere un buon articolo e presentarlo sui siti di article marketing sono essenzialmente quattro:
1. Il titolo deve essere semplice, accattivante e contenere delle parole chiave;
2. Il contenuto deve rispettare il titolo e l’argomento trattato;
3. La categoria in cui l’articolo va inserito deve essere pertinente;
4. La forma deve essere impeccabile.
Se il redattore rispetta queste regole, con buona probabilità il suo articolo sarà oggetto di giudizi e commenti del tutto positivi, e ciò a tutto vantaggio suo e dell’azienda di cui ha proposto il servizio.

Commenti chiusi.