17 novembre 2010
Articolo scritto da Writer

Primi nei motori di ricerca? Come fare?

Rispettare le “regole” e non fare i furbi.
Il desiderio di chiunque investa in un sito internet, sia un professionista o un’azienda che abbiano deciso di sdoganare la propria attività sul Web, è quello di vedere il proprio sito posizionato ai vertici dei risultati di ricerca. L’obiettivo primario che ci si pone è quindi quello di essere primi sui motori, in quanto questo risultato viene letto come il raggiungimento del successo sul Web.

Apparire tra le prime posizioni in Google, Yahoo o Bing è importantissimo ma bisogna stare attenti al modo con il quale si raggiunge questo risultato.

Sino a qualche tempo fa, ovvero prima che Google adottasse nuovi e sempre più complicati algoritmi per l’indicizzazione delle miglia di pagine presenti sul Web, la tendenza era quella di creare delle pagine “super-ottimizzate”, nelle quali si perdeva di vista il contenuto e quindi l’effettiva utilità che il sito doveva avere per gli utenti. Questi siti, pensati più per scalare le classifiche sul Web piuttosto che per essere una vera risorsa per gli internauti, potevano raggiungere velocemente le vette dei motori di ricerca ma vi restavano per un tempo limitato, correndo addirittura il rischio di essere fortemente penalizzati dai motori che si accorgevano dell’escamotage perpetuato ai loro danni e a quelli degli utenti. La nuova tendenza, voluta soprattutto da Google, è quindi quella di privilegiare la qualità, ovvero siti che, insieme ad una buona struttura tecnica e ad una adeguata ottimizzazione, sappiano associare anche contenuti originali e di qualità che siano di effettivo beneficio per i navigatori. E’ chiaro che, seguendo le “regole”, un sito possa impiegare un po’ di tempo in più a scalare la classifica, ma una volta raggiunti dei risultati difficilmente perderà quota!Il tutto senza contare che i contenuti di qualità rafforzano anche la credibilità del sito e innescano un processo di fidelizzazione degli utenti che non solo aumenta la popolarità del portale tra i navigatori ma anche tra i siti concorrenti che, quindi, saranno maggiormente portati a “linkarvi”, rafforzando ulteriormente la posizione del vostro sito.

Categoria: Web Marketing

Commenti chiusi.